Vai alla pagina con l'elenco degli e-book dell'autore         Vai alla pagina con l'elenco dei libri cartacei dell'autore editi dopo l'anno 2001        

VITTORIO IL BARBUTO  romanzo di Guido Pagliarino Editore Tektime

Leggi sotto la presentazione di "Vittorio il Barbuto"

Leggi la recensione di Daniela Monreale all'opera, sulla rivista "La Nuova Tribuna Letteraria" n. 103 anno 2011

Link ad alcune tra le librerie che vendono quest'opera:

I Libri                                                              gli E-book 



Libro cartaceo "Vittorio il Barbuto",  racconto lungo, Terza edizione dell'opera riveduta e variata, Editrice Tektime, ISBN 9788873043133

Amazon.it

GiuntialPunto

Libreria Universitaria

UB!K

Dove sono in Italia le Librerie UB!K (anzitutto, ma non solo, in città piccole e medie)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Libro cartaceo "Vittorio il Barbuto",  racconto lungo, Prima edizione, GDS Edizioni   ISBN 9788896961537 (Fuori Catalogo)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E-book  "Vittorio il Barbuto",  racconto lungo,  Terza edizione riveduta, Editrice Tektime ISBN  9781311752932

Apple iTunes

Amazon.it

Giunti al Punto

Tektime Bookstore

 Ebook Coop REPUBLIK

Mondadori Store

OmniaBUK

GooglePlay

Kobo.it

iBS

Amazon.com

E-book  "Vittorio il Barbuto",  racconto lungo,  Seconda edizione solo in e-book pubblicato da  Kindle e da Smashwords, ISBN  9781311752932

 

Apple iTunes

Amazon.it

Smashwords (e-book, in tutti i formati contemporaneamente: epub, mobi, pdf e altri)

Kobo.it

 

La Feltrinell

Mondadori store

 

Barnes & Noble: formato nook epub

 

 

 

 PRESENTAZIONE    TOP

Questo racconto lungo, o romanzo breve, basato sulle figure del vice questore Vittorio D’Aiazzo e del suo amico Ranieri – ‘Ran’ - Velli, si svolge nell’anno 1972 e la storia, come già nel romanzo "Il Metro dell'Amore Tossico (Il Poeta e il committente)" ambientato un triennio prima, in parte si svolge a New York e in parte a Torino. Come nella precedente opera troviamo, oltre ai due personaggi principali, figure comprimarie quali l’editore Mark Lines e il gelido miliardario Donald Montgomery, già direttore dell’FBI di New York e ora membro del Senato e candidato alla Presidenza degli Stati Uniti contro il presidente uscente M. N. Richard: La sera del 30 marzo 1972 viene uccisa, durante un banchetto elettorale organizzato dallo stesso Montgomery, una giovane, ricca signora sua grande elettrice, moglie del ricchissimo Peter White, sistematica adultera che aveva amato, prima del matrimonio, Vittorio e poi Ranieri: un misterioso individuo appare all’improvviso sulla porta del salone da pranzo, ammazza una guardia giurata che l’ostacola e quindi fredda la donna, poi fugge riuscendo a eclissarsi. Dell’assassino, mascherato nella parte superiore del volto, appaiono evidenti ai convitati, fra cui siede Ranieri Velli, solo la taglia massiccia, l’altezza modesta e la gran barba grigiastra, tratti caratteristici del D’Aiazzo; e per di più, in quelle stesse ore il vice questore non era in Italia ma proprio a New York, assieme alla sua fidanzata Marina Ferdi, vedova del defunto commissario Verdoni, già vice di Vittorio; niente di meno, il nome del D’Aiazzo risulta incluso nella lista degl’invitati al riservatissimo banchetto. A parte Ranieri Velli cui fa velo l'amicizia, i testimoni ravvisano e indicano come assassino il vice questore che viene accusato d’omicidio, assieme alla compagna, dal procuratore niuyorchèse Maxwell, amico e sostenitore del Montgomery, quest'ultimo preoccupatissimo di dimostrare che non s’è trattato, come invece insinua il presidente Richard, d’un falso attentato organizzato da lui stesso per pubblicità e finito male; il procuratore distrettuale è del tutto intenzionato a far condannare Vittorio sulla base d’un presunto movente passionale. Il vice questore e la fidanzata sono dunque estradati a New York per il processo istruttorio che, com’è largamente noto anche grazie a tanti film e telefilm, negli Stati Uniti avviene in aula presenti giuria e giudice. Diverse pagine presentano fasi del dibattimento. Il giovane avvocato del D’Aiazzo Sarah Ford ipotizza in primo luogo un delitto passionale da parte del marito pluritradito della vittima, signor White. Quanto a Ranieri Velli, desideroso d’aiutare l’amico ma impossibilitato ad agire personalmente fuori d’Italia, investiga a mezzo dell’agenzia dei ‘private eyes’ Taylor & Taylor. Indagano anche due collaboratori di Vittorio, i commissari Aldo Moreno e Mauro Sermoni, cercando di dimostrare l’innocenza del superiore e imbattendosi a un certo punto, a Torino, in importanti indizi che, uniti ai dati raccolti da Ranieri e dall'avvocato, condurranno alla soluzione.                                                                                                                      TOP